No promised land: i migranti del XXII secolo

0
470

di Irene Masala No promised Land è un reportage che nasce grazie al lavoro di ricerca del fotografo e architetto Andrea Ferro, che ha visitato e documentato fotograficamente 20 strutture di accoglienza in Veneto. L’obiettivo del lavoro, al quale chi scrive ha collaborato alla parte testuale, è di raccontare la realtà sconosciuta del “sistema di accoglienza” per migranti, richiedenti asilo e rifugiati in Veneto ponendo l’accento sullo stretto rapporto tra spazio fisico e vita quotidiana nelle strutture di accoglienza, così come tra architettura e migrazioni. In seguito, l’interesse per il fenomeno migratorio, destinato a caratterizzare le nostre società, mi ha spinto a investigare un’altra realtà poco conosciuta: quella dei flussi migratori misti in transito per tutta l’America Latina, e in particolare nella frontiera tra Colombia e Panama, con destinazione Stati Uniti e Canada. [caption id="attachment_11965" align="aligncenter" width="1920"] Migranti nel Darien (scatto dal documentario “Viandanti del Darien”)[/caption] Ogni giorno tra le 100 e le 150 persone tentano di attraversare la frontiera tra Colombia e Panama, via mare o via terra attraverso la selva del Darien, uno dei luoghi più pericolosi del mondo. [caption id="attachment_11966" align="aligncenter" width="1920"] Darien, sentiero ecoturistico. Ma ci passano anche i migranti. (scatto dal documentario “Viandanti del Darien”)[/caption] Questo continuo flusso migratorio avviene prevalentemente nel silenzio dei media, concentrati a raccontare l’esodo dei venezuelani. A causa del cambiamento delle politiche migratorie dei Paesi europei, questo fenomeno è destinato ad aumentare e sono già migliaia le famiglie in viaggio da Asia e Africa, costrette ad attraversare il continente americano da sud a nord in condizioni a dir poco precarie. [caption id="attachment_11967" align="aligncenter" width="1440"] Elicottero della polizia colombiana – Capurganà. (scatto dal documentario “Viandanti del Darien”)[/caption] Viandanti del Darien” vuole mostrare questo continuo flusso migratorio, raccontando come è cambiato negli ultimi cinque anni e quali sono le odierne dinamiche e criticità: lo fa attraverso le parole del responsabile dell’ufficio Unhcr della zona, Cesar Mesa. Il teaser del documentario Viandanti del Darien è disponibile a questo link: https://vimeo.com/334347064 . Le foto del libro No promised Land saranno esposte nell’ambito del Circuito Off dell’IMP che avrà luogo a Padona dal 10 al 26 maggio (https://www.impfestival.com/portfolio-item/no-promised-land-andrea-ferro-2/) e il libro “No promised Land” è per una settimana disponibile sulla piattaforma di crowdbooks (https://crowdbooks.com/it/projects/nopromisedland/). ]]>

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here