Nel corso dei secoli, il cibo è stato un importante elemento sia di trasformazione sociale sia per la creazione di riti. Produrre , scambiare, consumare cibo, vuol dire incontrarsi, condividere , stabilire una relazione tra persone e tra culture.

La cartografia si è sviluppata grazie alle reti commerciali legate ai beni alimentari.

La Via delle spezie ha permesso di raggiungere le Indie senza attraversare la penisola arabica. Dietro i finanziamenti erogati alla spedizione di Cristoforo Colombo c’era la speranza di trovare oro e spezie.

Anche se oggi lo sviluppo scientifico permette di coltivare ovunque prodotti tipici di alcune aree e la globalizzazione azzera le distanze, è inevitabile soffermarsi sul fatto che il cibo possiede una sua geografia legata al clima e alle condizioni ambientali.

Si tratta di vere e proprie specializzazioni, capaci di condizionare il mercato mondiale.

I cereali, ad esempio, costituiscono un presidio fondamentale per l’alimentazione umana. La Cina produce un terzo dei 600 milioni di tonnellate di riso raccolti nel mondo ed è al primo posto anche nel frumento; il Nord America controlla la metà della produzione di mais (25 milioni di tonnellate l’anno) e la Russia è leader nei cereali minori (avena, orzo e segale).

BIBLIOGRAFIA

    [simpleazon-link asin=”B00FCH1GKE” locale=”it”]Slow Food Story[/simpleazon-link] [simpleazon-image align=”none” asin=”B00FCH1GKE” locale=”it” height=”160″ src=”http://ecx.images-amazon.com/images/I/51gV7a5z4jL._SL160_.jpg” width=”117″]   [simpleazon-link asin=”8884993113″ locale=”it”]Atlante Slow Food dei prodotti italiani. Repertorio della produzione gastronomica regionale[/simpleazon-link] [simpleazon-image align=”none” asin=”8884993113″ locale=”it” height=”160″ src=”http://ecx.images-amazon.com/images/I/51aYs8j8AqL._SL160_.jpg” width=”118″]]]>

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here