13.4 C
Los Angeles
domenica, Febbraio 5, 2023

RIVISTA Plurisettimanale Online > Registr. Trib. PE n. 02/2016 ISSN 2611-626X editata da DOMUS EUROPA_Centro Studi di Geocultura

Le trappole dell’autonomia differenziata

Per capire a fondo le motivazioni del...

Un killer si nasconde in cucina. Un Trattato per stanarlo

È già presente nelle Librerie Scientifiche il...

Guerra in Ucraina e geopolitica da bar

GEOPOLITICAGuerra in Ucraina e geopolitica da bar

di P. Lumumba

C’è chi ha suggerito che la guerra in Ucraina segnasse la fine della globalizzazione. E se invece segnasse una grande, enorme crepa nella geopolitica? Nel modo stesso in cui la geopolitica è trattata e discussa, oltre che concretata nella dinamica dei rapporti internazionali?

Non s’è mai discusso di geopolitica sui mass-media, tanto quanto è avvenuto con questa guerra. Ha coinvolto in vario modo tutti i Paesi e tutte le opinioni pubbliche. Forse perché sotto sotto lascia intravvedere il rischio dello scontro globale nucleare, forse perché come mai dalla fine della seconda guerra mondiale un nuovo conflitto è divenuto una minaccia per tutta l’Europa e il vecchio continente ancora ha un ruolo rilevante per tutto il mondo. Fatto sta che si nota l’inevitabile separazione tra chi sta dall’una e chi sta dall’altra parte e tale divisione si manifesta nel desiderio che traspare implicito nel modo di porgere notizie e analisi. Una battaglia vinta dagli Ucraini sembra ad alcuni che apra la strada per la sconfitta di Putin, viceversa un lembo di terra sottomesso dalle truppe di Mosca sembra che abbia avvicinato per gli altri la vittoria finale contro l’imperialismo statunitense.

Guerra fredda ma non tanto

E qui sta il busillis geopolitico: sono in tanti a dare per scontato che questo non è un conflitto tra un invasore, la Russia, e un Paese invaso, l’Ucraina, ma il proseguimento di una mai sopita guerra fredda che vede la NATO sotto l’egida statunitense avanzare imperterrita, passo dopo passo verso oriente erodendo territori che invece sono legittima parte dell’impero russo. È la visione geopolitica del problema, che guarda al vasto fenomeno delle sfere di influenza e ritiene che tutto a questo si pieghi e sottostia. Come se i morti, i palazzi sventrati, le città incendiante, le scuole e gli ospedali abbattuti fossero tutti epifenomeni: vittime collaterali, inevitabili e quindi anche trascurabili nella logica del più grande e prevalente scontro tra culture e strutture sovranazionali.

E a guardare dal punto di vista geopolitico, dunque, suona legittima l’indignazione per i Paesi occidentali che foraggiano Kiev: come ha più volte ribadito Putin, essi non fanno che giocare sulla pelle degli Ucraini, usati come carne da cannone per dar fastidio ai legittimi desideri di mamma Mosca, bisognosa dei suoi territori cuscinetto che ritiene per diritto naturale a lei soggetti.

Da quel punto di vista la NATO si è illegittimamente allargata verso Est, quando invece, dopo il 1991 e il crollo dell’URSS era cessata la sua ragion d’essere e quindi avrebbe dovuto sciogliersi. Come se non fossero stati Paesi come la Romania, la Polonia, la Lituania, ecc. a chiedere di loro spontanea volontà di aderirvi – e se l’han fatto avran pur avuto le loro ragioni. Certo da parte loro è stata una scelta di campo, come lo sono state le rivolte di piazza Maidan del 2014.

Ma tutto questo sul piano geopolitico ad alcuni suona primariamente come una provocazione antirussa: non esistono i popoli, non esistono volontà sovrane – ed è curioso che siano molti di ambito sovranista che nella pletora dei social portano avanti questa linea di pensiero. Esistono solo macrotendenze geopolitiche che comportano rischi e conseguenze.

Dunque seguendo tale logica l’invasione in Ucraina è la legittima risposta di Mosca all’invadenza occidentale: la difesa di popoli del Donbass che, tradizionalmente parte dei territori russi, sono stati inglobati in un Paese che s’è rivelato assurdamente prono alle mazzette statunitensi che ne hanno solleticato il revanscismo.

Liberatori Wagner

Di qui la legittima discesa in campo della Wagner, composta bensì da mercenari che si ispirano già nel nome al campione dei miti nordici che tanto commossero la Germania degli anni Trenta, ma che in questo caso specifico svolgono un’opera di repulisti antinazista agendo agli ordini di Putin, divenuto campione del mondo multipolare che si erge contro il mai sopito imperialismo del dollaro.

E non ci sono popoli che tengano, non famiglie straziate dalla guerra perché le loro case sono distrutte o perché i loro figli sono stati strappati dai villaggi della Siberia per esser mandati a combattere senza sapere bene che diamine stiano facendo.

Ma Putin è diventato l’eroe di tutti coloro che negli anni hanno eretto l’argine della morale e della giustizia contro l’arroganza statunitense: è il campione dei pellerossa sconfitti dai soldati blu, il faro su cui si orientano gli orfani delle guerre neocoloniali (Cuba, Nicaragua, Cambogia, Laos, Vietnam, ecc.), il leader cui anche la Cina può guardare con serena fiducia ora che deve difendere il proprio nuovo potere economico che di per sé solo gli USA potrebbero minacciare (come se non sapesse difendersi da sola), il porto sicuro cui gli ayatollah iraniani possono dirigersi per non sentirsi soli di fronte alle oscure trame sioniste-statunitensi volte a sobillare le loro giovani perché facciano della rivolta del hijab una spina nel fianco del regime, la punta di diamante dei Paesi non allineati che finalmente vedono possibile sganciarsi dal peso dei poteri economici postcoloniali, grazie alla protezione dalle truppe liberatorie della Wagner.

Dugin alla riscossa

La geopolitica da quattro soldi trafugata sui social da mille mani avide di passare messaggini accattivanti abbraccia, perlopiù inconsapevole, le tesi di Alexandr Dugin sulla “quarta teoria politica” e preconizza l’emergere dell’Eurasia trionfante in una alleanza Russo-Cinese-Iraniana col supporto esterno dei Paesi arabi e dell’India (già, l’India alleata della Cina…) per affossare finalmente la talassocrazia anglosassone che ormai ha fatto il suo tempo.

E se nel mentre scorre sangue russo e ucraino nelle steppe pontico-caspiche, tanto è colpa della NATO, loro, poveri putiniani, che ci possono fare? Putin ha invaso solo per difendersi, mica per far del male a qualcuno. Anzi, lui gli Ucraini li vuole proteggere: anche quelli che gli alzano il dito medio contro minacciosi, perché sono solo fratelli deviati dalla propaganda occidentale. Come deviate dal malcostume degenere sono le ragazze che gettano il velo alle ortiche a Teheran: povere fanciulle ignare di cader nella bocca dell’orco. Meglio impiccarne qualcuna prima che il morbo si diffonda e faccia ancora peggio. Intanto l’alleanza Teheran-Mosca è sempre più solida: testimoni ne sono i droni che con pochi soldi permettono di bloccare luce e acqua nelle città ucraine: legittimi bersagli di guerra in quanto infrastrutture di valore strategico, a differenza del ponte tra Crimea e Russia che è invece usato solo per i turisti in vacanza e quindi va rispettato.

La fine delle vittime

Nel bailamme delle guerra si ravvisano solo le due posizioni contrapposte: le singole vittime scompaiono. Lo scontro è geopolitico e la geopolitica tutto giustifica poiché campeggia sui terreni dei grandi ideali, dei grandi schieramenti, della fasi epocali. E allora sotto a combattere: mobilitiamo le riserve dalla Russia profonda e glie la faremo pagare, agitiamoci sui social in ossessive ripetizioni di denuncia delle menzogne anglosassoni pagate in dollari mentre con la bava alla bocca attendiamo che yen, rupie, rubli e copeche ne sostituiscano i fasti a partire dal mercato del petrolio, la cui carenza pian piano strangolerà l’odiata Unione Europea nella sua sfarfalleggiante disunità sempre prona ai comandi d’oltre oceano.

Geocinismo

Se questa è geopolitica, forse è meglio lasciar perdere. C’è stato chi di fronte alle immagini di ospedali distrutti dalle bombe moscovite ha preso a dire che era propaganda di Ucraini che volevano farsi passare per vittime mentre erano loro i persecutori, che le donne incinte trascinate fuori da reparti maternità sventrati erano in realtà attrici figuranti: speriamo che se ne ricordino i propalatori di messaggini pro Putin, perché sono stati loro nei primi mesi di guerra a dire che era tutta propaganda ucraina e i Russi non c’entravano niente.

Certo, lo hanno fatto perché è quasi inevitabile in un conflitto parteggiare per una delle parti in causa. E gli Stati Uniti da decenni hanno fatto tutto il possibile per farsi conoscere come aguzzini, non come salvatori, nel fuoco dell’anticomunismo consumando il credito conquistato dai suoi soldati sulle spiagge della Normandia. E chi non sa farsi un’idea propria e non ha mai desiderato un’analisi critica della realtà, inevitabilmente cede a quel che gli resta più comodo credere per cullare i pregiudizi.

Geopolitica, virologia e “social”

Con la guerra in Ucraina la geopolitica è diventata, almeno per la platea dei social, quel che la virologia è stata quando era in auge la pandemia del Covid-19.

A questo punto l’unico auspicio plausibile è che possa consumarsi nella propria miopia, come si sono consunti i virologi nel fuoco della pandemia – fatti salvi quelli che sono assurti al rango di star dello spettacolo per passare da qui al mondo della politica. E che possa pure chiedersi se veramente l’invasione in Irak e misfatti simili da parte statunitense giustifichino altre speculari misfatti compiuti per giunta senza un briciolo di giustificazione, per quanto strappata con l’inganno al consesso delle Nazioni Unite.

Imperialismo rivisto

La geopolitica di personaggi quali Halford Mackinder e Karl Haushofer si fondava su una visione del mondo imperniata sull’imperialismo in vigore nei loro Paesi e che loro abbracciavano. La geopolitica dei “social” è figlia di un impegno da discussione nel bar sotto casa, forse accompagnata da simili sbornie ma certo amplificata dagli echi degli strumenti attuali. In ogni caso implica uno schieramento di parte che, abbracciando il “grande gioco” bellamente ignora le sofferenze che la guerra comporta.

La guerra di per sé è una degenerazione dell’essere umano, e la sua amplificazione da parte di persone che ne sarebbero estranee ma scelgono di farsene portavoce per illudersi così di contare qualcosa sulla scena di questo mondo perverso è un indice della perversione di cui è capace l’essere umano.

C’è solo una voce che contro tutto questo cumulo di degenerazione s’è levata, quella di papa Francesco e in generale dei pastori delle Chiese cristiane (con la significativa eccezione dei vertici della Chiesa moscovita che, imitando le voci più fanatiche del mondo islamico, hanno preso a promettere il paradiso per chi cade nella guerra in Ucraina). Son queste le voci che hanno richiesto una pace fondata sulla giustizia e sul rispetto, anzitutto della vita, se non anche delle opinioni.

La guerra in Ucraina non ha segnato e non segnerà la fine della globalizzazione, semmai una qualche contrazione. Ma se questa guerra mai finirà, come pare sia finita la pandemia, confidiamo che con essa anche questa ubriacatura di geopolitica d’accatto possa sciogliersi nella sentina del dimenticatoio, e magari lasciare posto a qualche sentimento di pietà e compassione per chi è vittima di ingiustizie e di violenza, ché queste purtroppo non mancheremo mai sulla faccia della Terra.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles