13.2 C
Los Angeles
domenica, Febbraio 5, 2023

RIVISTA Plurisettimanale Online > Registr. Trib. PE n. 02/2016 ISSN 2611-626X editata da DOMUS EUROPA_Centro Studi di Geocultura

Le trappole dell’autonomia differenziata

Per capire a fondo le motivazioni del...

Un killer si nasconde in cucina. Un Trattato per stanarlo

È già presente nelle Librerie Scientifiche il...

L’Italia al Congresso Mondiale UIA in Kenya sulla Convenzione UNESCO 1972

ARCHITETTURAL’Italia al Congresso Mondiale UIA in Kenya sulla Convenzione UNESCO 1972

Mombasa – 5 gennaio 2023. L’anno 2022 ha segnato una fase storica importante per la Convenzione sulla Protezione del Patrimonio Mondiale, culturale e naturale dell’Umanità che ha festeggiato 50 anni dalla sua adozione nel 1972 contando 1154 siti naturali e siti del patrimonio culturale elencati nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO da oltre 160 paesi. A questo proposito l’UIA (Union Internationale des Architectes – International Union of Architects- https://www.uia-architectes.org/en/ ) per celebrare questo anniversario ha promosso un congresso mondiale per dialogare sul significato e il futuro del nostro comune patrimonio naturale e culturale nell’ambito del tema “The Next 50 World Heritage as a source of resilience, humanity and innovation”.

In questo contesto l’UIA Heritage and Cultural Identity Work Program in collaborazione con l’Architectural Association of Kenya ha programmato il congresso che avrà luogo a Mombasa dal 20 al 23 febbraio 2023 con l’obiettivo di promuovere programmi e progetti per lo sviluppo urbano sostenibile, la valorizzazione dei territori, il rinnovamento delle città, la conservazione e gestione del patrimonio culturale dei siti esistenti e il tutto adoperandosi per stabilire standard internazionali elevati per le buone prassi che d’ora in avanti sarà necessario mettere in atto.

Principale obiettivo del congresso per il 50° anniversario della Convenzione sul Patrimonio Mondiale” è rimettere al centro il valore etico del nostro patrimonio culturale e naturale e il suo ruolo cruciale nel progettare il futuro resiliente del nostro pianeta contro la crisi e le sfide che ci attendono d’ora in avanti.

A tal fine, le esperienze maturate negli ultimi 50 anni e il suo impatto sui siti del patrimonio culturale mondiale saranno presentati da esperti di fama internazionale e provenienti da diverse regioni del mondo. L’Italia sarà rappresentata dalla professoressa Olimpia Niglio della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia (Italia) e Permanent Visiting Professor presso la Hosei University di Tokyo (Giappone) che è invitata per una conferenza magistrale dal titolo “Hidden Christian Sites in the Nagasaki Prefecture, Japan; An Intercultural Reflection on the International Recognition of the Hidden Christians in Southern Japan” e che avrà luogo il 22 febbraio come da programma ufficiale.

Maggiori informazioni sul congresso UIA e il programma completo con note sui relatori internazionali invitati sono disponibili su questa pagina https://aak.or.ke/aak-uia-hci-conference/

Qui il programma scaricabile in pdf: UIA-WG-CONFERENCE-Feb-2023-synopsis-and-themes-Sponsors-1

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles